Assenza delle commissioni. Concorso a cattedra invalidato ai sensi dell’art.7 comma 5 e 6 del bando e della legge 241/90.

Mentre il concorsone scuola continua il proprio corso all’insegna dell’approssimazione e della più totale assenza di buonsenso da parte di un MIUR sordo, incurante di tutti gli appelli, continuano le “stranezze” della macchina organizzativa.

A 3 giorni dall’inizio delle prove mancano ancora le commissioni! Chiediamo a tutti di inviare via PEC o email ai vari USR la richiesta esplicita della pubblicazione del documento di nomina. Se la commissione non viene nominata, la prova non può essere effettuata.

Anche se basterebbe la logica a dire ciò – unitamente all’esperienza di chi ha partecipato come commissario a qualsiasi concorso pubblico e quindi conosce bene come sia necessario che la commissione si insedi prima dello svolgimento delle prove – a ribadire il concetto è il bando stesso relativo al concorso scuola 2016:

nell’art. 7, comma 5 si legge “La vigilanza durante le prove d’esame è affidata dall’USR agli stessi membri della commissione esaminatrice, cui possono essere aggregati, ove necessario, commissari di vigilanza scelti dal medesimo USR.”, a cui segue il comma 6 “In caso di assenza di uno o più componenti della commissione giudicatrice del concorso, la prova scritta ovvero scritto-grafica si svolge alla presenza del comitato di vigilanza.”

Quindi, appare chiaro che la costituzione delle commissioni sia un elemento imprescindibile allo svolgimento delle prove stesse, difatti:

  • i commissari di vigilanza “possono essere aggregati”: appare chiaro, quindi, il concetto di aggregazione e non sostituzione, prevedendo, quindi, l’insediamento della commissione ex ante;
  • In caso di assenza di uno o più componenti della commissione giudicatrice”: implica, di necessità, che i “componenti” compongano, cioè facciano già parte della relativa commissione (non si può essere sostituiti per assenza se non si è già membro di commissione).

Se questa necessità non viene ottemperata, la procedura sarà resa invalida dal bando stesso.

Non ci sarebbe nemmeno bisogno di scomodare la legge 241/90, ma per completezza di trattazione rinviamo al seguente articolo: http://www.diritto.it/articoli/amministrativo/teodori1.html

Inoltre, perché discriminare alcuni docenti che, pur scegliendo la propria Regione di residenza per lo svolgimento delle prove, si vedono costretti ad andare fuori per una prova che è computer based (quindi eseguibile in qualsiasi sede) se non ci fosse necessità di identità tra commissione di vigilanza e commissione giudicatrice? Sarebbe semplicemente un atto di spregiudicata disparità di trattamento: i malcapitati, infatti, dovranno sostenere spese ben diverse dai loro colleghi più “fortunati”, a causa dell’obbligo di spostarsi fuori Regione che comporterà, oltre all’aggravio di spese, anche problematiche logistiche relative agli spostamenti e ai tempi ad essi connessi. Se poi si considera che il permesso che prenderanno i docenti (che attualmente si trovano impegnati nello svolgimento delle loro funzioni scolastiche) sarà non retribuito, si aggiunge un’ulteriore danno economico rispetto a coloro che svolgeranno le prove nella Regione in cui risiedono.

Si chiede una presa di responsabilità da parte del MIUR e del Ministro Giannini: annullate questa macchina farraginosa che avete creato e che fa acqua da tutte le parti e procedete con un concorso pubblico per soli titoli, la cui legittimità – come già fatto ampiamente notare – è garantita dal DPR 487/94 che si esprime proprio in merito all’accesso nel pubblico impiego e che, quindi, farebbe risparmiare circa 300 Milioni di euro, rispettando anche la stessa L.107 e il relativo comma 181 che prevede la fase transitoria in deroga alle nuove vie di accesso al ruolo.

Per il movimento spontaneo “In-Segnanti Uniti” – Prof. Ing. Alfredo Pudano – promotore e primo firmatario della petizione Stop Al Concorso Truffa in rappresentanza degli otre 32000 firmatari.

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE, CLICCA QUI

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DELLA SEZIONE SCUOLA, CLICCA QUI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*