Arresti, scandali, sondaggi in calo e Scuola in sciopero a ridosso delle amministrative: notte fonda per il PD

Il 20 scuola in sciopero, sindacati: legge 107 deriva autoritaria

“Nessuna relazione con Giannini, valutiamo diffida”

 

Roma, 11 mag. (askanews) – Rinnovare il contratto, fermo da anni; rafforzare la contrattazione d’istituto; sburocratizzare la scuola; valorizzare le professionalità; stabilizzare i precari; adeguare le retribuzioni dei docenti alla media europea. Sono le ragioni dello sciopero nazionale generale della scuola, proclamato per il prossimo 20 maggio dai sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola e Snals Confsal.

Le modalità della protesta sono ancora in via di definizione, ma sono previste varie iniziative a livello regionale e territoriale (con cortei e presidi davanti le Prefetture), manifestazioni nelle principali città (Cagliari, Napoli, Bari, Milano, Torino, Bologna) e un corteo a Roma da San Paolo al Ministero dell’Istruzione in Viale Trastevere.

“Non pensiamo a una scuola guerrigliera, siamo più vicini a Gandhi”, hanno assicurato i sindacati presentando le motivazioni della protesta, “la battaglia sarà lunga, non è questione di vincere o perdere ora, siamo sicuri che nel tempo le nostre ragioni verranno fuori”. Una delle questioni cruciali, hanno spiegato, è che “manca un sistema di relazioni sindacali con il ministro Giannini e stiamo valutando delle azioni legali nei confronti del Ministero. Abbiamo chiesto un incontro, ma ci è stato negato: chiediamo delle relazioni serie, che si possa discutere, perchè ora per farci sentire dobbiamo fare i presidi e la lotta”.

Per Domenico Pantaleo (Flc Cgil) “il primo obiettivo” dello sciopero “rimane il contratto nazionale, fermo per la parte normativa al 2006 e per quella economica al 2010. Va ricostruito un sistema di relazioni sindacali, perchè ora l’idea è che nella scuola quello che conta è il comando. Vogliamo un contratto nazionale che ristabilisca le regole e che apra spazi per la contrattazione decentrata. Inoltre dalla valutazione alla gestione del precariato vogliamo cambiare la legge 107, che ha un’impostazione autoritaria, sta peggiorando il clima delle relazioni, non ha raggiunto i suoi obiettivi e sta determinando un sistema con un clima irrespirabile”

FONTE: http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/il-20-scuola-in-sciopero-sindacati-legge-107-deriva-autoritaria.flc

Scuola, «Pronti a denunciare la Giannini» !!!

3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Scuola, 1000 euro alle scuole private per ogni alunno disabile
  2. Sartori, “Renzi non è mai stato eletto presidente del Consiglio, è solo stato nominato segretario del Pd con primarie senza controlli. Non aveva titolo per fare l’Italicum o la riforma del Senato”.
  3. Sondaggi, nullo l’effetto mediatico Pizzarotti sul M5S: a Roma vola la Raggi 14/5/2016

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*