Scuola, 1000 euro alle scuole private per ogni alunno disabile

Senato, sì al decreto scuola 500 euro ai ragazzi stranieri. Alle paritarie mille euro per ogni alunno disabile. Puglisi (Pd): «Servono al sostegno».

Approvato il provvedimento che estende il bonus culturale già previsto per gli italiani.

 

Prima la fiducia poi l’ok dal Senato: arrivano i fondi per la scuola destinati ai commissari d’esame, alle paritarie e ai ragazzi stranieri di 18 anni. Ieri mattina da Palazzo Madama è arrivata l’approvazione del decreto legge sulla funzionalità del sistema scolastico e della ricerca. Il testo, su cui il governo mercoledì aveva posto la fiducia, ha ricevuto 168 voti favorevoli e 90 contrari con solo un astenuto. Da martedì sarà sottoposto al parere della Camera: probabilmente arriverà immutato all’approvazione definitiva entro il tempo utile fissato al 28 maggio. Tra gli interventi più attesi, contenuti nel provvedimento, c’è il raddoppio dei compensi destinati ai commissari d’esame per il concorso iniziato lo scorso 28 aprile. L’avvio della selezione, infatti, è stato contraddistinto da tante polemiche legate ai compensi troppo bassi per i commissari, tanto che gli uffici scolastici regionali hanno avuto difficoltà a reperire il personale disposto a far parte delle commissioni.
IL SOSTEGNO NELLE PARITARIE
In arrivo anche 12,2 milioni di euro l’anno, a partire dal 2017, destinate alle scuole paritarie che riceveranno quindi mille euro al mese per ogni ragazzo con disabilità accolto in classe e frequentante. «Si tratta di soldi che vanno al sostegno – ha commentato la senatrice Pd, Francesca Puglisi – più che alle scuole private. Non è giusto criticare le paritarie quando non accettano i ragazzi disabili in classe e poi polemizzare se il governo decide di dare loro le risorse per poter fornire il giusto sostegno. Delle due, una». Gli oltre 12 milioni di euro verranno reperiti dal fondo della Buona scuola destinato ai finanziamenti per il miglioramento e la valorizzazione dell’istruzione scolastica.
Nel decreto è contenuta anche la norma che estende ai ragazzi stranieri di 18 anni, non comunitari ma con valido permesso di soggiorno in Italia, il bonus da 500 euro già previsto per i coetanei italiani. Si tratta di circa 3mila giovani che potranno spendere i soldi contenuti nella card per attività culturali come i coetanei italiani. Verrà inoltre ricalcolato l’Isee per le famiglie con componenti disabili, che potranno così eliminare dal reddito disponibile gli importi assistenziali che ricevono.
IL GSSI
È previsto anche un contributo annuo, permanente, di tre milioni di euro per la stabilizzazione e il riconoscimento del Gran Sasso Science Institute: il Gssi passa, nato poco più di tre anni fa come scuola sperimentale, assume ora il titolo di scuola di dottorato internazionale e di alta formazione a ordinamento speciale.
LE ALTRE MISURE
Per quanto riguarda il personale scolastico, il testo approvato ieri prevede lo slittamento per le assunzioni in ruolo dell’anno 2016-2017 dal 1 settembre al 15 settembre, ottenendo così due settimane in più utili allo svolgimento delle procedure di assunzione per il concorso, è previsto inoltre che l’assegnazione provvisoria venga estesa anche ai docenti neoassunti compresi quelli dell’organico dell’autonomia. Per gli edifici scolastici è prevista la proroga degli interventi di decoro nell’ambito del piano “Scuole Belle”, con scadenza al 31 marzo e quindi portati avanti fino al 30 novembre. Sono state approvate le proposte relative alle assunzioni per la scuola dell’infanzia e per lo snellimento delle procedure relative al pagamento delle supplenze brevi o saltuarie che non dovrà superare i 30 giorni.

FONTE: http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/senato-si-al-decreto-scuola-500-euro-ai-ragazzi-stranieri-alle-paritarie-mille-euro-per-ogni-alunno-disabile-puglisi-pd-servono-al-sostegno.flc

Arresti, scandali, sondaggi in calo e Scuola in sciopero a ridosso delle amministrative: notte fonda per il PD

Caos Invalsi, gli studenti boicottano i test e manifestano al Miur. E il 20 maggio sarà sciopero generale della scuola

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*