ITP Scuola, sentenza del Giudice ordinario

ITP Sentenza storica del Giudice Ordinario che riconosce la forza abilitante del titolo Grande soddisfazione anche innanzi al Giudice del Lavoro presso il Tribunale di Lagonegro, ove un docente ITP, finalmente ha visto riconoscersi la forza abilitante del proprio diploma “di Perito Industriale Capotecnico”. Sul tema, in più occasioni, come noto, si è pronunciato il TAR Lazio, riconoscendo il valore abilitante del diploma degli insegnanti tecnico pratici, inserendoli in seconda fascia, in GAE nonché ai fini della loro partecipazione ai pubblici concorsi. Ma per la prima volta si è riusciti ad ottenere una sentenza (di novembre 2017) anche innanzi al Tribunale Ordinario. La storia parte da lontano e, riguarda un docente ITP, entrato nei ruoli scolastici nell’anno 2001 tramite il cosiddetto doppio canale, sulla classe C270 Laboratorio di Elettrotecnica, anche se il medesimo risultava inserito nelle graduatorie (grazie al medesimo diploma), sia sulla classe C270 sia sulla classe C290 Laboratorio di Fisica. Pertanto, nonostante, entrato di ruolo sulla C270, non perdeva l’idoneità all’insegnamento sull’altra classe di insegnamento. Dunque, presso l’Istituto ove prestava servizio, lo stesso docente richiedeva di poter ottenere le ore di completamento sulla classe di concorso ove non era entrato di ruolo C290 (sulle ore residue di insegnamento, pari o inferiori a 6 ore settimanali, che non concorrono a costituire cattedre o posti orario), ma alla luce del DM 131 del 13/6/2007, che dispone che per insegnare su tali ore residue è necessaria la relativa abilitazione, il Dirigente Scolastico non ha permesso al docente di per poter svolgere la relativa docenza. Orbene, alla luce della statuizione del Tribunale di Lagonegro, che definitivamente ha sancito la forza abilitante del titolo conseguito dal docente ITP, rientrante tra i titoli acquisiti di cui alla tabella C del DM 39/98, il docente potrà svolgere le docenze sulle ore residue. Ed invero, il Tribunale del Lavoro, ammnistrativa, ha concluso “che le pronunce conformi.. sopra richiamate ai sensi dell’art. 118 disp att. C.p.c., impongono, la disapplicazione degli atti (di cui viene in rilievo incidenter tantum l’illegittimità) adottati dalla PA per negare al ricorrente il diritto all’insegnamento sulla classe di concorso C290, per 5 ore residue…, in quanto il ricorrente risulta in possesso di titolo avente valore abilitante all’insegnamento sulla classe C/290”. L’importanza dell’ottenimento di una sentenza del Giudice Ordinario, risiede nel fatto che davanti a questo Tribunale, possono essere discusse le molteplici questioni particolari che attengono ad ogni posizione soggettiva del singolo docente, che come in questo caso, vuole far valere i propri diritti, attraverso la forza abilitante del titolo ITP.

Salerno, 20/11/2017                                                                                              Avv. Angelo Tuozzo

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*