Ecco come ho scoperto le spese pazze di Renzi…!!!!!

20090729 FIRENZE CRO:ALCOL:Delibera Firenze salva gottino dal trippaio Il sindaco di Firenze Matteio Renzi mangia un panino con la trippa accopagnato da un bicchiere di vino oggi 29 luglio 2009 ANSA CARLO FERRARO

“Ecco come ho scoperto le spese pazze di Renzi”

Parla Guido Sensi, l’ex consigliere provinciale di Firenze, che nel 2009 divulgò un libro bianco con tutti gli scontrini delle sue spese personali spacciate come “istituzionali”.

Matteo Renzi nel 2009 alle comunali per Firenze non andò bene, fece peggio dell’odiatissimo Domenici.

Fu merito nostro che lo costringemmo al ballottaggio pubblicando 15mila copie di un libro bianco dove denuciavamo tutte le sue spese di rappresentanza fatte da presidente della provincia fiorentina”. Guido Sensi, esponente locale di Fratelli d’Italia, ricorda al giornale.it gli anni in cui, da consigliere provinciale di An prima e del Pdl poi, faceva una spietata opposizione all’attuale premier.

Come ebbe inizio tutta la vicenda degli sprechi in Provincia?

“In verità tutto nasce da un’interrogazione fatta nel 2008 in Provincia da Rifondazione Comunista che, però, non ha nessun eco sui giornali. Noi, invece, durante la campagna elettorale per le amministrative, nel corso di un’intervista radiofonica in un’emittente locale, denunciammo le spese effettuate con la carta di credito. Renzi presentò una querela ma, alla fine la ritirò perché l’avevamo chiamato a testimoniare e per 2 o 3 volte e lui non venne. Preferì ritirare la querela che presentarsi in tribunale”.

Quali sono esattamente le colpe che attribuisce a Renzi?

“Il mio è un giudizio politico di inopportunità, non mi è mai interessato con chi andasse a cena ma come spendesse i soldi dei cittadini. Renzi, da presidente della provincia, nel 2008 aveva un plafond di 10mila euro al mese. Poi che ne spendesse di meno è un altro discorso anche se l’anno prima, durante un viaggio negli Stati Uniti, gli si bloccò la carta per esaurimento del credito. Usò quella personale e poi si fece rimborsare dalla provincia”.

E come mai nessuno si accorge subito che quella carta veniva usata per spese personali?

“Il primo anno le spese fatte con la carta di credito vengono riportate in modo poco dettagliato, poi la Corte dei Conti gli impone che siano più circostanziate e quindi lui è costretto a presentare lo scontrino, a dichiarare chi fosse con lui e a presentare una documentazione firmata. Vedo che Renzi spendeva 1 milione di euro in spese di rappresentanza a fronte dei 90 milioni di lire (ovvero 45mila euro) del suo predecessore e allora chiedo l’autorizzazione agli atti per poter leggere gli scontrini”.

Cosa scopre?

“Ci sono centinaia di euro dei cittadini spesi per andare a pranzo con i parlamentari o con la stampa locale. Le pare che i parlamentari non abbiano i soldi per pagare da sé? E le sembra un incontro istituzionale invitare dei giornalisti a pranzo? Per non parlare dei 19 euro spesi in aperitivi da ‘Gigli’ o all’Harry’s bar oppure le cene a due consumate alla pizzeria ‘Il Far West’ di Pontassieve. Possono passare come spese di rappresentanza? No. Ed è per questo che io, insieme all’onorevole Totaro, presentai un esposto alla procura della Repubblica di Firenze ma fu tutto archiviato e ancora oggi non conosciamo le motivazioni dell’archiviazione”.

Oltre alle ‘spese pazze’ con la carta di credito, Renzi ha altri scheletri nell’armadio?

“Beh, c’è la Flores multimedia, una società partecipata della provincia che faceva da arma di propaganda renziana e fatturava 5 milioni di euro. Era diretta dall’amico intimo del premier, Marco Carrai, e si occupava di organizzare eventi più o meno culturali che iniziavano o finivano con un grande buffet. Sulla Flores ha indagato prima il Mef e poi, dal 2011, la Corte dei Conti. Ora è un’azienda quasi fallita che fattura tra i 70 e gli 80mila euro l’anno e non organizza più nulla”.

FONTE ARTICOLO

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*